Gabriele Dettori racconta l’inferno di Cinigiano - C&C Hunting | Outdoor Innovation

Periodo infernale per la regione Toscana, che ha dovuto far fronte ad un nuovo pesante incendio alle pendici del Monte Amiata, un area di circa 700 ettari in quel di Cinigiano in provincia di Grosseto. Oltre ai danni creati alle aziende agricole, allevamenti e agriturismi, le fiamme hanno reso irrespirabile l’aria e pertanto sono stati evacuati circa 500 abitanti, fra questi c’è il nostro amico Gabriele Dettori, che ci racconta la sua terribile esperienza.

Gabriele Dettori incendio Cinigiano

«Divampano all’improvviso, oscurano il cielo. Ti accorgi di tenere così tanto a casa tua quando la stai per perdere e fino a quando non ci sei dentro non ci rendiamo conto che il fuoco è sempre stato e ragionevolmente rimarrà sempre il più terribile degli elementi. Dietro di sè un mare nero, che solo dopo qualche giorno realizzi di quanto sia stato devastante e di quanto siamo stati fortunati.

“E spento il foco si rovescerà la terra, la vinceremo noi questa vigliacca guerra, di chi ha voluto con un atto scellerato, cancellar la nostra storia e il nostro passato. E ricordatevi che la nostra CINIGIANO è sempre risorta bella e forte dalle ceneri di Giano. Nanni del Bar”

Volevo ringraziare tutti gli amici e siete stati tanti, che con un messaggio o una chiamata vi siete preoccupati o vi siete messi a disposizione, a tutte le associazioni vicine e lontane che ci avete dato una mano. Ai vigili del fuoco, Vigilanza antincendi boschivi, carabinieri e misericordia un GRAZIE veramente a tutti.

E a Cinigiano che tornerà più splendente che mai.»

 

 

 

0
Diana Di Croazia VanguardAntonino Simone contro calendario venatorio sicilia